Narrare è resistere

All’inizio di quest’anno mi ero imposto di leggere un numero elevato di libri, almeno uno al mese per riconciliare con una delle mie passioni e non lasciare che le ore di lavoro trascorse dietro un computer arrugginissero o meglio distruggessero il mio cervello. Il 2017 per me e’ stato un anno di rottura. Troppo tempo trascorso a lavorare su analisi di dati, troppo tempo trascorso su desktop, laptop, tablet, smartphone ad inviare email […]

Ulteriori informazioni
La Sacra famiglia come i migranti

Noto con immenso dispiacere i numerosi commenti negativi e l’eccessivo clamore a livello nazionale suscitato da una rappresentazione non tradizionale della Natività esposta nel mio paese, Acquaviva delle Fonti. La tradizionale immagine del Presepe è sostituita da manichini rappresentanti due migranti che rischiano di sprofondare in un mare di bottiglie di plastica, mentre Gesù bambino è un manichino di colore tenuto a galla da un salvagente.

Ulteriori informazioni
Un caffé inatteso

Il citofono della casa di Tìas non funzionava correttamente e quando qualcuno suonava il campanello José Saramago andava personalmente ad aprire la porta d’ingresso. Increduli i suoi ammiratori e i lettori che, col cuore in gola, pigiavano il pulsante accanto alla porta d’ingresso sperando di incontrarlo per potergli stringere la mano o per farsi autografare una copia di uno dei suoi libri.

Ulteriori informazioni
Un eco dome e la terapia della natura

Email dopo email, meeting dopo meeting, scadenze da non mancare, report, analisi di dati, spreadsheet e giornate intere perse davanti al pallido schermo di un computer mentre il mondo segue il suo ciclo naturale ed io costantemente perdo le sue bellezze. Siamo una generazione teoricamente colta, esseri liberi, figli della natura ma questi tempi moderni ci hanno trasformato in cavie da laboratorio, bloccate nel labirinto della routine quotidiana e di lavori sempre più virtuali.

Ulteriori informazioni
José e Pilar

Quello che la memoria ritiene, il tempo non cancella. Molti aneddoti vanno persi nel corso della vita, altri sono tramandati ai posteri, altri ancora restano impressi su una pagina scritta ma necessitano di un contesto per essere compresi nella loro interezza.  Molte delle opere dello scrittore portoghese José Saramago , partendo da avvenimenti inaspettati e a volte surreali danno vita ad una narrativa che pone in risalto l’atteggiamento umano nella sua nudità e conferisce ai protagonisti la responsabilità di uscire dalle situazioni insolite nelle quali si trovano.

Ulteriori informazioni
Stolen Moments

Quante occhiatacce, quanti sguardi infastiditi, quante urla, probabilmente un giorno mi arriverà una scarpa in testa ma preferisco correre il rischio e continuare a fotografare semplici momenti di vita, la quotidianità della gente che a volte si sente privata della propria intimità quando avverte la presenza dell’ingombrante obbiettivo della Reflex. Forse basterebbe chiedere, ma si perderebbe la spontaneità del momento, di un’azione, di uno sguardo, di un sentimento, perché la fotografia, così come la vita, è fatta di attimi, irripetibili che restano bloccati nel tempo.

Ulteriori informazioni
La Mala Educación

"Ma mi stai prendendo in giro? Nel mondo ci sono 9 continenti, ora te li listo: Nord America, Centro America, Sud America, Europa, Islanda, Africa, Asia, Nord Australia e Sud Australia". Questa e' la risposta di Caroline alla mia granulare analisi riguardante la differenza tra Irlanda e Islanda, due isole, due Nazioni, certamente non due continenti, che si distinguono ben oltre che per le consonanti R e S. Le mie solide certezze geopolitiche non vacillano sebbene resti sbalordito da un'affermazione tanto sicura quanto infondata alla quale si può solo controbattere spiattellando l'evidenza.

Ulteriori informazioni
La Svezia non ha solo l'Ikea

13 Novembre 2017, i banconi di un pub di Dublino rispecchiano i colori delle curve dello stadio San Siro durante lo spareggio Mondiale, maglie gialle da una parte e maglie azzurre dall’altra. Italia Svezia vale l’accesso al Campionato del Mondo di calcio in Russia e forse qualcosa in più per gli Italiani. 90 minuti di elettrica tensione per entrambe le fazioni di sostenitori durante i quali al composto urlo scandinavo “Sverige Sverige” gli Italiani rispondono con un burlesco "Avete solo l'Ikea" e un più pacato e compatto “Merda Merda”.

Ulteriori informazioni
Barcelona és molt més

Weekend di due giorni per scoprire le meraviglie della città di Gaudi, un giro al Park Güell, una visita alla Sagrada Familia, Casa Batllo, Fontana magica, una vasca obbligatoria giù per la Rambla fino a Barceloneta, due tapas, una cerveza, Camp Nou per gli amanti del calcio d’autore e il turista dice di aver visitato Barcellona. Sì, il turista elogerà l’estro del modernismo catalano, ricorderà l’atmosfera che si respira tra le strette stradine del Gotic, posterà foto già viste mille volte su Instagram per ostentare la nuova bandierina posta sulla mappa dei luoghi visitati, ma avrà veramente vissuto la città?

Ulteriori informazioni
Una faccia una razza, la Grecia in immagini

Ci sono terre "straniere" in cui basta solo metterci piede per sentirsi in pace con sé stessi e avere la sensazione di essere a casa. I motivi di questa sorta di Nirvana personale sono inspiegabili e nemmeno la frase più eloquente si avvicinerebbe alla completa descrizione di tale benessere. La Grecia per me è quel luogo al quale mi sento indissolubilmente legato e dove riscopro costantemente le mie più profonde radici Mediterranee.

Ulteriori informazioni
La mozzarella, un bocconcino pugliese

Vivere in un paese straniero, lontano dalla terra natia implica il distacco da cicliche situazioni quotidiane, da consuetudini, da profumi e sapori che rievochiamo con nostalgia quando la loro fruizione diviene sporadica. Nell’opera “Alla ricerca del tempo perduto”, a Marcel Proust basta gustare una petite Madeleine, offerta dalla madre, per stimolare la memoria involontaria e far riemergere i ricordi dell’infanzia completi del loro valore emotivo e soggettivo. 

Ulteriori informazioni
Ricordando Miami

Esattamente tre anni fa, i rimasugli dei benefits offerti dall'American Airlines mi hanno garantito un viaggio low cost in una città che evoca significati diversi a seconda della condizione e dello status di un individuo. La magica concezione di Miami idealizzata dal turista e dallo statunitense medio diviene sogno di ricchezza per un emigrante e prima via di fuga per un "esiliato" Cubano rifugiato nella falsa ricostruzione della sua terra natia, tra i vicoli di Calle Ocho [...]

Ulteriori informazioni
Un 2014 esagerato

Centinaia di citazioni ci incitano a vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo e costantemente questa frase resta impressa nella mente per poco tempo prima che la routine quotidiana la spazzi via per farsi largo. Quest'anno ho cercato di mettere in pratica questo dettame e di tenerlo a mente ogni giorno per cercare l'attimo e non solamente coglierlo quando si presenta. Il 2014 è stato un anno esagerato in termini di viaggi, esperienze e vita vissuta [...]

Ulteriori informazioni
Nostalgica Istanbul

Visitare Istanbul in due giorni é come inzuppare un pezzo di pane nel sugo per gustarne il sapore e poi privarsi delle delizie di un pasto ricco di ingredienti mai assaporati in precedenza. L'antica Costantinopoli é un banchetto stracolmo di spezie e leggende che avvolge i commensali nel suo fascino antico per poi trasportarli lungo le sponde del Bosforo e accompagnarli nel sacro mistero delle sue strade [...]

Ulteriori informazioni
Tra gli alberi dell'Ardèche

La frenesia della vita in città occulta costantemente il piacere delle piccole cose e il logico ritmo vitale che solo luoghi incontaminati hanno l'onore di regalarci. Il villaggio di Cabanes Perchés di St Julien de Labrousse, nel cuore dell'Ardeche, a un paio d'ore da Lione é il luogo adatto per riscoprire la genuinità di un'esistenza a diretto contatto con la natura incontaminata e per vivere un'avventurosa esperienza senza alcun tipo di comfort [...]

Ulteriori informazioni
Andalusia on the Road

Se chiedi della Spagna, spesso ti imbatti nell'irrisolvibile dicotomia Barcellona - Madrid, ma andando verso sud, una terra aspra, magica ti rapisce, ti avvolge nei suoi variegati colori tinti di flamenco, ti ubriaca di vita e sangria anche quando il suo sole cocente brucia la pelle e rende difficile il respiro. Stesa ad ammirare uno storico cielo blu, a sud della Mancia, bagnata dall'Atlantico e dal Mediterraneo, l'Andalusia [...]

Ulteriori informazioni
Tirana, un limbo tra passato e futuro

Ci sono nomi di luoghi poco eccitanti che nella Bucket List di un viaggiatore occupano posizioni remote, spesso dietro agognate destinazioni da cartolina, ma che per inaspettati incroci di vita si ritrovano inaspettatamente stampati sulla carta di un biglietto aereo. Tirana è uno di questi.  L’Albania per un pugliese significa tante cose, numerosi sono i riferimenti storici, sociali e quotidiani che [...]

Ulteriori informazioni
Un minuto a Cracovia

Silenzioso come lo scorrere del tempo, il panno dorato del tardo pomeriggio altera le sfumature della piazza Rynek Główny. I tetti si rivestono d’ambra, le facciate dei pochi palazzi grigi rimuovono la loro pallida corazza e dall’alto della Basilica di Santa Maria il trombettiere dell’Hejnał tace all’improvviso, trafitto dal ricordo di un arciere tartaro [...]

Ulteriori informazioni
La filosofia del meteco

L’accostamento di due parole appartenenti a campi semantici apparentemente diversi custodisce un pensiero che unifica stato d’animo e realtà. Nell’Antica Grecia, il Meteco era lo straniero residente stabilmente nelle città-stato, che nella tripartizione delle classi si poneva tra il cittadino e il non libero. Al giorno d’oggi, il termine indica lo straniero, colui che ha cambiato casa, che è lontano da casa, l’emigrante [...]

Ulteriori informazioni
Teorie di viaggio

Il viaggio deve ancora iniziare, il fascino delle ultime ore antecedenti alla partenza è turbato da un folle dilemma, da un pecca che ha assalito ogni viaggiatore, o meglio ogni turista: “E’ la quantità di indumenti/biancheria intima/prodotti/ da mettere in valigia direttamente proporzionale al numero di giorni di viaggio?” La personale risposta a questo arcaico dubbio me l’ha data la sorte in una lontana giornata di canicola [...]

Ulteriori informazioni