Lifestyle Blog

In una scatola di scarpe

Piene di polvere, custodite in un mobile, decine di scatole di scarpe racchiudono istantanee di un tempo che non c'è più. Le mie dita toccano carta,  sfiorano decine di anni, volti di persone di cui non ricordo il nome, perfette calligrafie che annotano nomi e date.  Bianche e nere, color seppia, ingiallite, a colori, intatte, rovinate dal tempo, centinaia di fotografie ripercorrono la storia della mia famiglia e le tappe della mia vita fino all'avvento del digitale. Dal 2002 in poi tutti i miei ricordi sono salvati in file JPG nei meandri del mio computer, in qualche disco rigido e nella labile memoria del mio cellulare. Migliaia e migliaia di foto, pornografia visiva degli ultimi 14 anni della mia vita, scatti artistici, letteralmente "intoccabili", racchiusi in circuiti insensibili al tatto, all'olfatto e incapaci di durare in eterno. Il ciclo di vita di un hard disk può variare da pochi mesi a una decina di anni e poi il piccolo scrigno digitale diviene solamente un oggetto senz'anima, inutilizzabile, corrotto, vuoto.  Costanti sono i back up per evitare di perdere dati e quelle foto rappresentanti il nostro segno in questo mondo, ma cosa succederà tra decine di anni quando non avrò più tempo di effettuare copie dei miei file, quando i sostegni multimediali cesseranno di funzionare e la mia mente diventerà meno ricettiva all'istantaneità del ricordo? Capitoli della mia esistenza spariranno, i volti diventeranno sempre più sfocati e i luoghi, i sorrisi, le lacrime, gli abbracci lentamente prenderanno la direzione dell'oblio. Quando poi il mio tempo terminerà, hard disk esterni illeggibili e pieni di polvere termineranno in qualche mansarda o in qualche montagna di rifiuti annichilendo ogni tentativo di lasciare una reminiscenza a generazioni future. Allora penso che in un era dove la comunicazione è digitale, le immagini sono digitali, la vita è digitale, dove quasi tutto diviene virtuale è tempo di tornare al tangibile e di imprimere su carta tutto ciò che vogliamo perpetrare nel tempo e lasciare come dono ai posteri in qualche scatola di scarpe.